Consenso unanime degli operatori sanitari al piano di riordino degli ospedali di Narni e Amelia presentato dalla direzione Usl 2


 

Riordino presidio ospedaliero di Narni-Amelia, consenso unanime degli operatori sanitari al Piano presentato dalla direzione Usl Umbria 2 e al lavoro delle istituzioni



TERNI - Arriva dagli operatori sanitari e del comparto del presidio ospedaliero di Narni-Amelia una significativa approvazione al Piano di riordino presentato alle comunità cittadine e alle istituzioni dal commissario straordinario dell’Azienda Usl Umbria 2 dr. Massimo De Fino, attraverso un documento siglato dalla direzione medica del presidio ospedaliero, da tutti i responsabili delle strutture, dalle posizioni organizzative, dai coordinatori del comparto e dal direttore della struttura di Oculistica dell’Azienda Ospedaliera di Terni dr. Enrico Poddi, che presta l’attività in qualità di consulente nel presidio ospedaliero della Asl.

Di seguito il documento, che dà forza alle linee programmatiche della direzione strategica aziendale e ne sollecita l’immediata attuazione:

 

“Negli ultimi 20 anni abbiamo assistito ad un impoverimento delle risorse destinate al comprensorio Narnese Amerino e Ternano. In particolare gli ospedali di Narni-Amelia hanno perso tutte le figure apicali e attività che hanno sempre connotato positivamente le strutture ospedaliere sono state soppresse (vedi Punto Nascita). Nello stesso arco temporale sono stati realizzati l’ospedale nuovo di Perugia, Foligno e Branca. La necessità di trovare un equilibrio tra i vincoli di bilancio, i bisogni di salute dei cittadini e la valorizzazione delle due sedi ospedaliere che negli anni, come sopra richiamato, sono state significativamente ed iniquamente penalizzate,  ha spinto gli operatori, in strettissima sinergia con i sindaci di Amelia Laura Pernazza e di Narni Francesco De Rebotti, la consigliera regionale Eleonora Pace ed il commissario straordinario dell’Azienda Usl Umbria 2 Massimo De Fino, ad elaborare un progetto di riorganizzazione delle due strutture ospedaliere considerando i vincoli strutturali ed i mutati aspetti demografici e socio sanitari  nell’ottica dell’ integrazione con l’Azienda Ospedaliera di Terni auspicata dai vertici regionali.

 
Nell’esprimere il massimo apprezzamento per la disponibilità, l’impegno e non ultima la volontà di ‘metterci la faccia’ dimostrati da tutti i soggetti istituzionali, si richiamano di seguito i punti salienti del piano di riordino:
  • Qualificare Narni come area prevalentemente chirurgica
  • Qualificare Amelia come area prevalentemente medica e riabilitativa.
 
Nello specifico, a Narni saranno svolte tutte le attività chirurgiche integrate con l’ospedale di Terni mentre ad Amelia sarà concentrata l’attività di medicina e di riabilitazione. Sempre ad Amelia sono già operative le attività di chirurgia oculare e di dermatochirurgia e in ambito riabilitativo sarà aumentata l’offerta di letti per la riabilitazione cardiologica.
Saranno inoltre attivate la riabilitazione nefrologica e respiratoria, anche in questo caso in strettissima integrazione con l’ospedale di Terni.

 
A Narni, al fine di limitare i disagi dei pazienti chirurgici da riabilitare, sarà trasferita la riabilitazione neuromotoria con conseguente vantaggio per i pazienti che, una volta operati per patologie ortopediche, potranno agevolmente nella stessa sede proseguire l’iter assistenziale riabilitativo senza necessità di dover sopportare ulteriori trasferimenti. 

 
Nell’area dell’emergenza saranno riattivati i Punti di Primo Intervento h. 12 e dislocati i mezzi del 118 in aree da cui più facilmente, dati i noti limiti della viabilità, si potrà raggiungere il paziente.

 
I dettagli del piano di riordino sono stati già presentati a tutti i soggetti istituzionali del territorio di riferimento ed all’assessore regionale alla Sanità Luca Coletto, come pure sono stati presentati alle organizzazioni sindacali ed al Collegio di Direzione della Usl Umbria 2.

 
Ad oggi non risultano pervenute indicazioni di modifiche o approfondimenti. Il nostro auspicio è che tale riorganizzazione, già in essere per la chirurgia oculare e la dermatochirurgia, sia nel più breve tempo completata nell’interesse della comunità, degli stessi operatori e dell’attrattività delle due strutture ospedaliere”.

 

Terni, 10 agosto 2020




CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE AZIENDA USL UMBRIA 2

  RIENTRI DALL'ESTERO

REGIONE UMBRIA / SEZIONE CORONAVIRUS TUTTE LE INFORMAZIONI



Scarica e stampa

LOCANDINA "RIPARTIAMO SEMPRE PROTETTI E DISTANZIATI" vers. pdf
LOCANDINA "#RISPETTO" vers. pdf





 

#unopertuttituttiperuno 
Il decalogo delle buone regole per la fase due nella campagna della Questura di Terni, dell'Anci e della Usl Umbria 2













TUTTE LE NEWS AZIENDA USL UMBRIA 2
RIENTRI DALL'ESTERO



Attualmente il Ministero della Salute ha stabilito che non è possibile entrare né transitare in Italia per i soggetti che provengono dai seguenti paesi:
Armenia, Bahrein, Bangladesh, Bosnia Erzegovina, Brasile, Cile, Kosovo, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldova, Montenegro, Oman, Panama, Perù, Repubblica Dominicana, Serbia


Obbligatoria la quarantena di 14 giorni di isolamento fiduciario per i soggetti provenienti da
Algeria, Australia, Bulgaria, Canada, Georgia, Giappone, Marocco, Nuova Zelanda, Ruanda, Repubblica di Corea, Romania, Thailandia, Tunisia, Uruguay.


Resta comunque l’obbligo di sorveglianza sanitaria e isolamento fiduciario per tutte le persone fisiche provienti da Stati o Paesi esteri diversi da quelli facenti parte dell’Unione Europea, Stati parte dell’accordo di Schengen, Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, Andorra, Principato di Monaco, Repubblica di San Marino e Stato della Città del Vaticano ovvero che vi abbiano soggiornato nei 14 giorni anteriori all'ingresso in Italia. Come ulteriore misura di prevenzione e tutela soprattutto delle persone anziane e fragili, si raccomanda a tutti coloro che rientrano dai paesi sopra citati o che ospitano soggetti provenienti dai paesi sopra citati di contattare, per avere tutte le informazioni utili e necessarie

  • il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica della Usl Umbria 2 tramite email a prevenzione@uslumbria2.it 
  • oppure il numero verde regionale NUS 800.63.63.63 (ore 8-18 dal lunedì al venerdì esclusi festivi)
Filmato del ministero della Salute con le istruzioni principali per viaggiare verso il nostro Paese.



CONTATTI

  
Numero verde gratuito, in Umbria per fornire tutte le informazioni utili sui fattori di rischio dell'infezione coronavirus Covid-19. Gli specialisti rispondono alla cittadinanza dalle ore 8:00 alle ore 20:00 dal lunedì alla domenica, al numero 800.63.63.63 mentre, per le ore notturne, si può contattare il numero di pubblica utilità del Ministero della Salute 1500.


MEDICI DI MEDICINA GENERALE E PEDIATRI DI LIBERA SCELTA AZIENDA USL UMBRIA 2

SERVIZIO DI IGIENE E SANITA' PUBBLICA AZIENDA USL UMBRIA 2

CONTATTI GUARDIA MEDICA - CONTINUITA' ASSISTENZIALE







INFORMATI CORRETTAMENTE
MINISTERO DELLA SALUTE
REGIONE UMBRIA
ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA'
EPICENTRO
PROTEZIONE CIVILE
AIFA
AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA

AZIENDA OSPEDALIERA DI TERNI
AZIENDA USL UMBRIA 1

AZIENDA USL UMBRIA 2








            
          
                       (A.T. 10/08/2020)

 

 



Ultimo aggiornamento: 11/08/2020