Giornata del rene, in prima fila anche l'ospedale di Spoleto




SPOLETO - Anche quest'anno presso la struttura di Nefrologia e Dialisi del presidio ospedaliero "S. Matteo degli Infermi" di Spoleto, diretta dalla Dr.ssa Paola Vittoria Santirosi (tutte le info), in occasione della giornata mondiale del rene che si svolgerà il prossimo 14 marzo, sono organizzate delle iniziative volte a promuovere sia la conoscenza delle malattie renali che la prevenzione attraverso un corretto stile di vita. 


L'Insufficienza Renale Cronica è una malattia con una crescita drammatica, al sesto posto fra le cause di morte nel mondo. Il numero di persone affette da patologie renali di vario tipo sono, ad oggi, oltre 850 milioni nel mondo. L'Insufficienza Renale Cronica (IRC), nello specifico, è causa di almeno 2,4 milioni di decessi l'anno. L'Insufficienza Renale Acuta (IRA), una delle principali cause di IRC, colpisce oltre 13 milioni di persone a livello globale.

L'obiettivo della Giornata Mondiale del Rene di quest'anno è quello di sensibilizzare l'opinione pubblica sulla crescente incidenza delle patologie renali e sulla necessità di implementare specifiche misure e strategie di prevenzione. "Salute Renale per Tutti ed Ovunque" richiede che la prevenzione e il trattamento precoce delle patologie renali vengano incluse nella Copertura Sanitaria Universale (CSU).


La Giornata Mondiale del Rene richiede


- che gli individui vengano incoraggiati ad intraprendere uno stile di vita sano (garantendo l'accesso ad acqua potabile, motivando gli individui all'attività fisica e a perseguire la lotta contro il tabagismo). Questi suggerimenti sono importanti sia per prevenire la nascita di malattie renali sia per rallentarne il decorso.


- che vengano effettuati screening di base regolarmente, dando accesso a strumenti diagnostici essenziali (analisi delle urine, analisi del sangue, ecc); effettuare lo screening ad individui ad alto rischio di sviluppo di malattie renali è di fondamentale imprtanza per prevenire lo sviluppo di insufficienza renale o di altre patologie renali croniche.


- che venga garantito ai malati di patologie renali l'accesso a servizi sanitari basilari (controllo della pressione sanguigna, del colesterolo e accesso a medicinali di base) in modo da rallentare lo sviluppo della malattia per chi è in difficoltà economiche.


Il Dr. Luca Sapori, responsabile della Direzione medica del Presidio Ospedaliero di Spoleto informa che verranno eseguiti, presso l'ambulatorio di Nefrologia, posto al piano terra, ingresso poliambulatori, i seguenti screening di base: misurazione della pressione arteriosa, esame urine e dosaggio della creatinina.


In tale giornata, dalle ore 9,00 alle ore 16.00, sarà presente personale sanitario per accogliere le persone che vorranno aderire gratuitamente all'iniziativa.


Sarà infine organizzata una giornata di informazione e sensibilizzazione presso le scuole medie di Spoleto.

“L’insufficienza renale è una malattia spesso priva di sintomi che può condurre alla dialisi. Proprio per queste caratteristiche va diagnosticata precocemente per evitare lo sviluppo della malattia terminale mettendo in atto tutto quei provvedimenti in grado di ridurne la progressione o addirittura arrivare alla cura definitiva dell’insufficienza renale.

La prevenzione - spiega la Dott.ssa Paola Vittoria Santirosi, responsabile della Struttura semplice di Nefrologia e dialisi dell’Ospedale di Spoleto - insieme a corretti stili di vita, terapie specifiche e diete personalizzate, può drasticamente modificare l’evoluzione della malattia renale. Per questo questa giornata di screening, oltre a sensibilizzare la popolazione su questo tipo di patologie, spesso misconosciuta, serve ad aumentare la sensibilità verso la cura e la prevenzione delle malattie renali.

Semplici esami di screening possono indicare la presenza di patologie che possono portare alla perdita di funzione dell’organo e costituire fattori di rischio delle malattie cardio vascolari.
In Italia circa 7 persone ogni 100 hanno una malattia renale. Fattori di rischio sono costituiti dall’ipertensione arteriosa, il diabete, la vasculopatia arteriosclerotica, da stili di vita scorretti (sedentarietà, eccesso di farmaci, fumo di sigaretta, obesità) e cattive abitudini alimentari".




(A.T. 12.3.2019)






UMBRIA CRONACA

DUE MONDI NEWS
ANSA
TUTTOGGI
UMBRIA DOMANI
CITY JOURNAL
ALTO ADIGE
SPOLETO 7 GIORNI
SPOLETO OGGI - UMBRIA JOURNAL
SPOLETO ON LINE
UMBRIA 24
LA NAZIONE


Ultimo aggiornamento: 14/03/2019