Ospedale di Foligno, focus sull'attività ultratrentennale delle cure odontoiatriche ai pazienti disabili



FOLIGNO - Sono oltre trenta anni che presso l’Ospedale di Foligno vengono effettuate le cure odontoiatriche nei pazienti disabili in sedazione/anestesia generale. Un primato, quello del San Giovanni Battista che risale alla seconda metà degli anni Ottanta quando l’equipe multidisciplinare iniziò a garantire questo importante servizio.

L’idea di questo tipo di prestazioni, allora veramente di avanguardia, si deve a due medici ancora oggi in attività: il dottor Marco Falchi, dirigente della Struttura Semplice Dipartimentale di Chirurgia Orale, e il dottor Raffaele Zava, primario della Struttura Complessa di Anestesia e Rianimazione. Il servizio iniziò a funzionare grazie anche alla lungimiranza di Andrea Alesini, Direttore Generale di allora, di Franco Aliventi, primario di odontoiatria, e di Giuliano Bifarini, primario di Anestesia e Rianimazione. Il servizio del reparto di odontoiatria era strutturato con due sedute operatorie settimanali una delle quali, il giovedì, veniva utilizzata quasi esclusivamente per i disabili. L’ulteriore novità stava anche nella preospedalizzazione, oggi Day-Hospital. Infatti venivano riservati per i pazienti disabili due posti settimanali ogni martedì e, in pratica, un paziente disabile visitato il lunedì era preospedalizzato il martedì e, infine, operato il giovedì con tempi di attesa minimi. L’attività sui disabili prevedeva visite ambulatoriali odontoiatriche ed anestesiologiche presso l’Ospedale di Foligno o presso gli Istituti di cura dove erano ricoverati tali pazienti per ridurre al minimo i loro disagi. Proprio in quel periodo il reparto ha collaborato a lungo con l’Istituto Serafico di Assisi. Un servizio, questo, che ha anticipato la mobilità del personale.

Dal momento del trasferimento presso il Nuovo San Giovanni Battista il servizio è ancora in funzione ed è l’unico in Umbria. Attualmente presso la Struttura Semplice Dipartimentale i pazienti disabili vengono trattati in anestesia generale per cure ed otturazioni di carie, estrazioni ed igiene orale e, a breve, sarà possibile anche l’inserimento di impianti endo-ossei in pazienti selezionati.

Attualmente presso la Struttura Semplice Dipartimentale di Chirurgia Orale dell’Ospedale di Foligno i pazienti disabili vengono trattati per cure ed otturazioni di carie, estrazioni ed igiene orale in anestesia generale e, a breve, sarà possibile anche l’inserimento di impianti endo-ossei in pazienti selezionati. Un’attività, dunque, che qualifica l’Ospedale di Foligno. Nel corso degli anni l’equipe del San Giovanni Battista (Marco Falchi, Fabio Franceschini, Franco Aliventi, Raffaele Zava) ha organizzato importanti convegni con i massimi esperti italiani su questa tematica specifica.




(M.S. 25.10.2017)




LA NAZIONE

IL CORRIERE DELL'UMBRIA 


Ultimo aggiornamento: 07/11/2017