Dipartimento Assistenza Farmaceutica


DIPARTIMENTO FARMACEUTICO AZIENDALE

Direttore Dr. Fausto Bartolini

 

Il Dipartimento Farmaceutico Aziendale (DAF) si occupa della promozione dell’assistenza farmaceutica negli ospedali e nel territorio della USL Umbria 2, in linea con gli obiettivi assegnati dalla Regione Umbria e dalla stessa Azienda USL Umbria 2.


Garantisce attraverso le Farmacie dei Presidi Ospedalieri Aziendali e i Servizi di Distribuzione Diretta Farmaci (DD):

  • la continuità assistenziale ospedale-territorio attraverso la distribuzione dei farmaci e di altro materiale sanitario alla dimissione del paziente
  • la fornitura dei prodotti farmaceutici alle strutture ospedaliere e territoriali della ASL e il loro corretto utilizzo secondo criteri di appropriatezza ed economicità
  • le attività di farmacovigilanza e dispositivo-vigilanza
  • l'attività di monitoraggio e analisi delle prescrizioni di farmaci per l'assistenza farmaceutica territoriale e ospedaliera
  • l’allestimento di preparazioni galeniche personalizzate e delle terapie oncologiche per somministrazione endovenosa

 

ASSISTENZA FARMACEUTICA

 

Tutti i medicinali sono costituiti da principi attivi e da vari eccipienti. Il principio attivo è il componente dei medicinali da cui dipende la sua azione curativa, il medicinale vero e proprio, gli eccipienti sono invece componenti inattivi del medicinale, privi di ogni azione farmacologica ed hanno la funzione di proteggere il principio attivo la dagli agenti esterni e di dare forma e volume per consentire la preparazione di compresse o di qualsiasi altra forma farmaceutica.

Classificazione dei Farmaci:

Classe A (Farmaci a carico dal Servizio Sanitario Nazionale),

Classe H (Farmaci carico dal Servizio Sanitario Nazionale solo in ambito ospedaliero),

Classe C (Farmaci a carico del cittadino).

L'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) pubblica periodicamente gli elenchi dei medicinali di classe A e H.

PARTICOLARI MODALITA’ DI EROGAZIONE DI MEDICINALI AGLI ASSISTITI (L. 405/2001)


Per garantire la continuità assistenziale tra Ospedale e Territorio (H-T),
ed agevolare l’accesso ai farmaci che necessitano di prescrizione e controllo periodico dello Specialista ospedaliero con accessi programmati e periodici del paziente (farmaci ad alto costo e/o di ultima generazione), è possibile assicurare l’erogazione del farmaco direttamente dall’Azienda Sanitaria – Dipartimento Assistenza Farmaceutica con le seguenti modalità:


Distribuzione Diretta (DD)
: erogazione diretta da parte dell’Az. Sanitaria dei medicinali necessari al trattamento, alla dimissione dal ricovero ospedaliero, o dopo visita specialistica, ai pazienti in assistenza domiciliare, residenziale e semiresidenziale. Di seguito orari e sedi degli sportelli di Distribuzione Diretta Farmaci:



SEDI E ORARI SPORTELLI DD

 

Sportello di Terni via D. Bramante: 8,30 - 13,30 dal lunedì al venerdì, il martedì anche il pomeriggio dalle 15,00 alle 17,00

 

Sportello distribuzione diretta 1° ciclo c/o Az. Ospedaliera di Terni: tutte le mattine 10,00-14,00 dal lunedì al venerdì, il pomeriggio il martedi e giovedì dalle 15 alle 17.

 

Farmacia Interna Ospedale di Narni: il lunedì e il giovedì dalle 9 alle 13

 

Farmacia Interna Ospedale di Orvieto: dal lunedì al sabato dalle 11,30 alle 13,15 e sabato dalle 12 alle 13

 

Farmacia interna Ospedale di Foligno - Distribuzione farmaci piano terra: dal lunedì al venerdì dalle 10,30 alle 14,30

sabato dalle 10,30 alle 13,30

 

Farmacia interna Ospedale di Spoleto: dal lunedì al venerdì dalle 10,30 alle 14,30

 

Farmacia interna Ospedale di Norcia: lunedì, mercoledì e venerdì dalle 10 alle 13, giovedì dalle 15 alle 17,30

Distribuzione per conto ASL (DPC): si tratta di farmaci acquistati dalla ASL ed erogati, per conto della ASL, attraverso le farmacie (pubbliche e private) convenzionate con la ASL (Servizio Sanitario Nazionale). Il medicinale viene acquistato dalla ASL capofila e distribuito su tutto il territorio regionale dalle farmacie convenzionate.

cosa deve fare il paziente  per ottenere i farmaci in Distribuzione Diretta/Distribuzione (DD) e per Conto (DPC):

Per entrambe le modalità (DD e DPC) è necessaria la prescrizione dello specialista e la ricetta del Medico di Medicina Generale o del Pediatra, con cui recarsi presso gli Sportelli di erogazione farmaci delle ASL (DD) o presso le Farmacie convenzionate del territorio (DPC);

sarà cura del Medico di Medicina Generale o dello Specialista indicare al paziente dove ritirare la terapia farmacologica sulla base della tipologia del farmaco



OSSIGENOTERAPIA

La ASL fornisce direttamente e in modo gratuito la fornitura di Ossigeno liquido a persone affette da insufficienza respiratoria cronica e a persone in Assistenza domiciliare integrata (ADI)

 

Come accedere

Per l’ossigeno liquido è necessaria la prescrizione di uno specialista pneumologo operante presso una struttura pubblica. La fornitura di ossigeno liquido è effettuata direttamente al domicilio del paziente dalla ditta autorizzata

 

Per la fornitura dell’ossigeno gassoso è necessaria la prescrizione del medico di famiglia o del pediatra di libera scelta ed è effettuata presso le farmacie aperte al pubblico.



TICKET:

Dal 1° settembre 2020, come disposto dal comma 446 della Legge 160/2019, recepita con DGR 765 del 26/08/2020 il “ticket aggiuntivo” sui farmaci (quota fissa per ricetta in base alla fascia di reddito) è abolito, pertanto anche le fasce di reddito non saranno più valide.

Resta valida la compartecipazione relativa alle eventuali quote dovute dall'assistito in applicazione dell'art.7 della L.405/2001 e s.m.i. (differenza rispetto al prezzo di riferimento dei medicinali equivalenti).

 

Dal 1° settembre 2022, relativamente ai farmaci in Distribuzione per Conto (DPC), qualora l’assistito rifiuti un farmaco aggiudicatario di gara, messo a disposizione della ASL, sarà tenuto al pagamento di un “contributo paziente” (ticket maggiorato) che tiene conto della differenza tra il prezzo al pubblico e il prezzo di gara ASL

 

 

/MC-API/Risorse/StreamRisorsaTurni farmacie territorio Usl Umbria 2
Primo semestre 2024

 

 



ASSISTENZA INTEGRATIVA

 

La Usl Umbria2 assicura l'assistenza integrativa ai pazienti affetti da particolari patologie, fornendo prodotti dietetici e/o dispositivi, secondo i livelli di assistenza previsti dalle normative Nazionali e Regionali.

Rientra nell’assistenza integrativa (art.10 DPCM 12 gennaio 2017) l’erogazione di dispositivi medici monouso (pannoloni, cateteri, cannule, medicazioni, presidi per diabetici, ecc.) e di alimenti particolari (prodotti senza glutine, prodotti aproteici, latte artificiale, ecc.) a specifiche categorie di pazienti.



Gli aventi diritto a tali prestazioni sono:

  • soggetti affetti da diabete mellito
  • soggetti affetti da celiachia
  • soggetti affetti da malattie metaboliche congenite
  • soggetti con insufficienza renale cronica
  • nati da madri sieropositive
  • nati da madri a cui è precluso l’allattamento al seno per gravi patologie
  • soggetti con grave disfagia affetti da patologie neurodegenerative
  •  soggetti ileostomizzati, colostomizzati e urostomizzati
  •  soggetti incontinenti
  • soggetti affetti da lesioni cutanee




Erogazione di presidi per persone affette da malattia diabetica

Le persone con diabete mellito ricevono gratuitamente, tramite le farmacie di comunità distribuite sul territorio, sia i presidi necessari alla somministrazione dell'insulina (aghi pungidito, aghi per iniettori, siringhe) sia i prodotti diagnostici necessari per la determinazione del glucosio nel sangue o nelle urine (strisce reattive). Questi prodotti sono forniti previa predisposizione di un Programma di Cura rilasciato dallo Specialista Diabetologo o dal M.M.G nel ambito PTDA.


In prima diagnosi lo Specialista Diabetologo dovrà indicare la tipologia di Glucometro, che verrà erogato dalle Farmacie di Comunità, la sostituzione dello stesso ha cadenza BIENNALE salvo malfunzionamento o rottura, in tal caso la sostituzione verrà effettuata DIRETTAMENTE dalle Farmacie di Comunità.

 

COME FARE

L’assistito/a munito/a di piano terapeutico del Diabetologo o ricetta M.M.G.  si reca presso il Centro di Salute di riferimento che rilascia l’autorizzazione alla fornitura idonea al ritiro dei presidi presso le Farmacie di Comunità.

L’assistito deve essere in possesso di esenzione per patologia diabetica

L’autorizzazione può avere durata massima di 12 mesi

Alla scadenza sarà necessario rinnovare l’autorizzazione con le stesse modalità.




Dispositivi a tecnologia avanzata per il monitoraggio della glicemia


COME FARE

La prescrizione di dispositivi a tecnologia avanzata può essere fatta solo nei Centri di Diabetologia aziendale nell’ambito di PDTA dedicati.

Microinfusori, CGMS    i materiali di consumo vengono erogati direttamente   dal Centro di Diabetologia che ha in carico il paziente secondo quanto stabilito nel piano terapeutico.

Nel caso si renda necessario prescrivere il glucometro, i dispositivi verranno erogati dalle Farmacie di Comunità su richiesta del MMG/Specialista aziendale e autorizzazione del Centro di Salute di riferimento dell’assistito.

Glucometro Accu-Chek Mobile prescrivibile solo dai Centri di Diabetologia aziendale nell’ambito di PTDA dettagliatamente motivato secondo quanto previsto dalle disposizioni vigenti. L’autorizzazione alla fornitura viene rilascia presso i Centri di Salute di appartenenza dell’assistito, la dispensazione dei dispositivi viene fatta dalle Farmacie di Comunità in regime di convenzione.



Erogazione alimenti per persone affette da Celiachia e Dermatite erpetiforme

Le persone affette da celiachia, dermatite erpetiforme ricevono gratuitamente gli alimenti privi di glutine che possono essere ritirati presso le Farmacie di comunità o Esercizi commerciali autorizzati.



COME FARE

L’assistito/a munito/a di Certificazione Specialistica di Centro Regionale per la celiachia o Specialista Gastroenterologo operante presso struttura pubblica della ASL di residenza si reca presso il Centro di Salute di riferimento che rilascia l’autorizzazione idonea al ritiro degli elementi presso Le Farmacie di Comunità o Esercizi Commerciali autorizzati, i quantitativi sono quelli previsti dai tetti di spesa:


 

L’assistito deve essere munito di tesserino di esenzione per celiachia

L’autorizzazione può avere durata massima di 12 mesi

Alla scadenza sarà necessario rinnovare l’autorizzazione con le stesse modalità.

Erogazione alimenti per persone affette da Insufficienza Renale Cronica nefropatici

I soggetti affetti da insufficienza renale cronica possono beneficiare, su prescrizione dello specialista nefrologo operante in struttura ospedaliera pubblica della ASL di residenza, dei prodotti aproteici rientranti nel Registro Nazionale degli Alimenti.

 

COME FARE

L’assistito/a munito/a di Certificazione Specialistica   si reca presso il Centro di Salute di riferimento che rilascia l’autorizzazione idonea al ritiro degli elementi presso Le Farmacie di Comunità, il tetto di spesa mensile è di euro 90, i quantitativi massimi erogabili sono:

 

Quantità massima mensile per assistito

2.5 kg

PANE

3 kg

PASTA

1 kg

FARINA

1 kg

BISCOTTI

 

L’autorizzazione può avere durata massima di 6 mesi

Non sono ammesse sostituzioni tra i prodotti 

Alla scadenza sarà necessario rinnovare l’autorizzazione con le stesse modalità.

Erogazione di Alimenti destinati a fini speciali

COME FARE

Latte per nati da madri sieropositive


Il Ministero della Salute ha inserito tra i prodotti alimentari erogabili nell'ambito dell'Assistenza Integrativa Regionale i sostituiti del latte materno per bambini nati da madri HIV-positive fino al compimento del sesto mese di età.

La prescrizione viene effettuata dal PLS /MMG su ricettario SSN, a seguito di diagnosi di sieropositività della madre rilasciata da infettivologo di struttura pubblica, indica il fabbisogno e la cadenza è mensile

 

Latte per nati da madri a cui è precluso l’allattamento al seno per gravi patologie

 

DGR 767 del 29/07/2022 erogazioni dei sostituti del latte materno per neonati da madri a cui è precluso l’allettamento al seno per gravi patologie.

COME FARE

La domanda di accesso al contributo viene presentata presso il distretto di appartenenza della richiedente corredata da ISEE, per la quale è previsto il tetto massimo di€ 30.000 e certificazione specialistica attestante lo stato di avente diritto.

L’autorizzazione, rilasciata dai Centri di Salute di appartenenza della richiedente, può avere durata massima di mesi sei e tetto massimo di spesa di € 400,00.

Il latte artificiale viene erogato dalle Farmacie di Comunità.

 

Alimenti per persone affette da malattia metaboliche congenite /fibrosi cistica

COME FARE

I pazienti muniti di prescrizione specialistica del centro di riferimento per patologia si recano presso i Centri di Salute di appartenenza per il rilascio dell’autorizzazione valida al ritiro degli alimenti presso le farmacie di Comunità.

 

Erogazione dispositivi monouso  

Uro-Ileo –Colo stomia

Con DPCM 12 gennaio 2017 vengono definiti e aggiornati i LEA, gli art. 11 e 12 disciplinano l’erogazione dei dispositivi monouso.

Lo stato di avente diritto viene certificato dal Medico Specialista del SSN competente per patologia o dal M.M.G., non è necessario il riconoscimento dell’Invalidità Civile.

COME FARE

L’ assistito/a munito/a di certificazione medica Specialista e/o del M.M.G. indicante patologia, tipologia di dispositivi con indicati i codici identificativi (ISO) e quantitativi, si reca presso il Centro di Salute di riferimento che rilascia l’autorizzazione idonea al ritiro dei dispositivi presso le Farmacie di Comunità.

I quantitativi erogabili sono quelli previsti dalla normativa vigente e si intendono come quantitativo massimo erogabile.

L’autorizzazione può avere durata massima di 12 mesi.

Alla scadenza sarà necessario rinnovare l’autorizzazione con le stesse modalità

 

 

Incontinenza

 

I dispositivi ad assorbenza rappresentano un importante contributo al miglioramento della qualità di vita delle persone affette da incontinenza urinaria e fecale cronica.


Lo stato di avente diritto viene certificato dal Medico Specialista del SSN competente per patologia o dal M.M.G., non è necessario il riconoscimento dell’Invalidità Civile.



COME FARE

L’assistito/a munito/a di certificazione medica Specialistica e/o del M.M.G. indicante la patologia, il tipo di incontinenza e l’entità: moderata, grave, gravissima, i codici identificativi (ISO…) e quantitativi si reca presso il Centro di Salute di riferimento che rilascia l’autorizzazione idonea al ritiro presso le farmacie di Comunità.

I quantitativi erogabili sono quelli previsti dalla normativa vigente e si intendono come quantitativo massimo erogabile.

L’autorizzazione può avere durata massima di 12 mesi

Alla scadenza dell’autorizzazione sarà necessario rinnovare l’autorizzazione con le stesse modalità.

 






Dispositivi per il trattamento delle lesioni cutanee

 

L’erogazione dei dispositivi per il trattamento delle lesioni cutanee è riservato agli assistiti affetti da patologie croniche gravi che obbligano all’allettamento.

La Regione Umbria riserva la maggior parte dei dispositivi alle medicazioni in ADI, pur consentendo l’erogazione in assistenza integrativa specificando che può essere autorizzato un solo codice nell’ambito della stessa classe di prodotti.



COME FARE

L’ assistito/a munito/a di certificazione medica Specialista e/o del M.M.G. indicante patologia, tipologia di dispositivi con indicati i codici identificativi (ISO) e quantitativi, si reca presso il Centro di Salute di riferimento che rilascia l’autorizzazione idonea al ritiro dei dispositivi presso le Farmacie di Comunità.

I quantitativi erogabili sono quelli previsti dalla normativa vigente e si intendono come quantitativo massimo erogabile.

L’autorizzazione può avere durata massima di 12 mesi

Alla scadenza sarà necessario rinnovare l’autorizzazione con le stesse modalità.

 

 

 

ASSISTENZA DOMICILIARE, RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE

 

L’Assistenza domiciliare è un servizio previsto dai Livelli Essenziali di Assistenza (LEA), con l’obiettivo di dare risposta ai bisogni di salute delle persone fragili in generale, non autosufficienti, anziani, disabili e minori che necessitano di cure a domicilio in modo temporaneo o protratto nel tempo.

Prevede l’erogazione congiunta di attività e prestazioni afferenti all’area sanitaria e all’area dei servizi sociali privilegiando interventi che favoriscono la permanenza delle persone assistite al proprio domicilio, in strutture Residenziali e Semiresidenziali.

 

Assistenza Domiciliare Integrata (ADI)

Le cure domiciliari integrate sono costituite da prestazioni professionali di vario tipo, da quelle mediche e infermieristiche fino a quelle di tipo riabilitativo e assistenziale, in un insieme integrato di trattamenti multidisciplinari. Sono dedicate a persone che necessitano di una continuità assistenziale e di interventi programmati ripetuti nel tempo, a causa delle loro gravi condizioni di salute.

 

Come accedere al servizio di Assistenza Domiciliare: su segnalazione del proprio Medico di Medicina Generale, al Centro di Salute di appartenenza del paziente, oppure a seguito di dimissione protetta dopo ricovero ospedaliero e comunque sempre con il supporto del proprio Medico curante.

A chi si rivolge

Pazienti non deambulanti per patologie croniche o acute temporaneamente invalidanti, non autosufficienti in dimissione ospedaliera protetta, pazienti in fase terminale, pazienti con problematiche socio-assistenziali.

Elenco prestazioni

In assistenza domiciliare è possibile ricevere, attraverso il personale infermieristico del Centro di Salute che somministra terapie farmacologiche e assiste il paziente, tutto quanto previsto nel piano terapeutico individuale, ad es.:

 

  • medicazioni piaghe da decubito,
  • ferite chirurgiche,
  • farmaci per terapia infusionale,
  • controllo stomie,
  • prelievi ematici ecc.
  • nutrizione artificiale a domicilio (NAD)


EROGAZIONE NUTRIZIONE ARTIFICIALE A DOMICILIO (NAD)

La nutrizione artificiale domiciliare (NAD) viene utilizzata per trattare, presso il domicilio, quei pazienti che non sono in grado di alimentarsi autonomamente e/o sufficientemente per via orale. Esistono due tipologie di nutrizione artificiale: enterale e parenterale

Nutrizione enterale: somministrazione dell’alimentazione attraverso un sondino nasale o una stomia direttamente nello stomaco o nell’intestino

Nutrizione parenterale: somministrazione di miscele nutritive direttamente nella circolazione sanguigna tramite accesso venoso.

 

Come fare

Il paziente deve essere valutato dallo specialista del Servizio Nutrizionale aziendale. Lo specialista redige il Piano terapeutico, di una durata massima di 6 mesi, con il quale il paziente/familiari, potranno ritirare i prodotti per la nutrizione artificiale e i presidi necessari (es. deflussori, cateteri ecc).


Dove ritirare i prodotti

Magazzino Farmaceutico Terni, viale Donato Bramante, piano terra.

Mercoledì e Venerdì dalle 8.30 alle 13.30

Martedì e Giovedì dalle 15 alle 17

 

Farmacia Interna di Orvieto

Giovedì dalle 15 alle 17

Sabato dalle 10 alle 12.30

 

Farmacia Interna - Sportello erogazione Nutrizione Enterale P.O.Foligno, Via M.Arcamone, piano terra

Martedì/Giovedì dalle ore 10:00 alle ore 13:00

Sabato dalle ore 10:00 alle ore 12:00

Farmacia Interna - Sportello erogazione Nutrizione Parenterale P.O.Foligno, Via M. Arcamone, piano terra

Lunedì/mercoledì/venerdì dalle ore 12:00 alle ora 13:30

 

Farmacia Interna - Magazzino Farmaceutico P.O. Spoleto, ingresso posteriore, Via Loreto,3, piano terra

Sabato dalle ore 10:30 alle ore 13:30

 

Farmacia Interna - Ospedale di Norcia: lunedì, mercoledì e venerdì dalle 10 alle 13, giovedì dalle 15 alle 17,30

 




Campagna di vaccinazione antinfluenzale 2023/2024:


Nel 2023-2024, il virus influenzale circola contemporaneamente ad altri virus respiratori e al SARS-CoV-2 (Covid-19). La vaccinazione contro l'influenza rappresenta un’importante difesa, in particolare per le persone più fragili per motivi di salute o per età avanzata.

 

Popolazione Target:

Il vaccino antinfluenzale è generalmente sempre raccomandato per tutti i soggetti a partire dai 6 mesi di età che non hanno controindicazioni al vaccino.

La Circolare del Ministero della Salute del 27 settembre 2023 “Prevenzione e controllo dell’influenza: raccomandazioni per la stagione 2023-2024” elenca le categorie da vaccinare in una tabella riepilogativa (allegato 2).

 

Come fare per vaccinarsi:

Ogni cittadino deve fare riferimento al proprio medico di medicina generale o al pediatra di libera scelta che, potrà effettuare la vaccinazione presso il proprio ambulatorio, presso un ambulatorio messo a disposizione dal Distretto della ASL o al domicilio degli assistiti non autosufficienti o impossibilitati a raggiungere lo studio medico o altro punto di vaccinazione.

 

Anche le Farmacie pubbliche e private convenzionate con la USL Umbria 2, sono abilitate alla vaccinazione antinfluenzale. Non è richiesta la prescrizione del Medico di Medicina Generale o Pediatra, basta richiedere al farmacista la vaccinazione




Campagna vaccinale anti COVID-19:

L’obiettivo della campagna vaccinale anti Covid-19 è quello di prevenire la mortalità, le ospedalizzazioni e le forme gravi di COVID-19 nelle persone anziane con elevata fragilità, e proteggere le donne in gravidanza e gli operatori sanitari. A questi gruppi di persone (Circolare del Ministero della Salute del 14.08.2023) è raccomandata una dose di richiamo con la nuova formulazione di vaccino aggiornato, che ha durata di 12 mesi. La vaccinazione potrà inoltre essere consigliata a familiari e conviventi di persone con gravi fragilità.

 

I vaccini utilizzati, secondo la disponibilità di dosi consegnate dal Ministero della Salute, sono:

  • Comirnaty Omicron XBB.1.5 30 mcg/dose dispersione per preparazione iniettabile - indicato in soggetti di età pari o superiore a 12 anni (tappo grigio)
  • Comirnaty Omicron XBB.1.5 10 mcg/dose concentrato per dispersione iniettabile - indicato in bambini di età compresa tra 5 e 11 anni (tappo arancione)
  • Comirnaty Omicron XBB.1.5 3 mcg/dose concentrato per dispersione iniettabile - indicato nei bambini di età compresa tra 6 mesi e 4 anni (tappo marrone)
  • Nuvaxovid (Omicron XBB.1.5) indicato in soggetti di età pari o superiore a 12 anni.

Come prenotarsi:

  • attraverso il portale della regione: vaccinocovid.regione.umbria.it 
  • attraverso il portale CUP della farmacia 
  • contattando il medico di medicina generale e pediatri di libera scelta
  • senza prenotazione nelle giornate Open Day organizzate dalla ASL




 

 

Prima vaccinazione anti Covid-19:

Per coloro che non si sono mai vaccinati contro il Covid-19 è indicata:

  • una sola dose di Comirnaty Omicron XBB 1.5 (ciclo primario)
  • una sola dose di vaccino Nuvaxovid XBB.1 (se si ha un’età pari o superiore a 12 anni).

Soltanto per i bambini con età compresa tra 6 mesi e 4 anni compiuti, che presentano condizioni di elevata fragilità e che non hanno completato un ciclo primario (prima e seconda dose) di vaccinazione anti COVID 19 o non sono mai stati contagiati dal virus, sono indicate 3 dosi (di cui la seconda a 3 settimane dalla prima e la terza a 8 settimane dalla seconda) di vaccino Comirnaty Omicron XBB 1.5.

Si rammenta che le sospette reazioni avverse ai farmaci, compresi i vaccini, possono essere segnalate sia dagli operatori sanitari che da ogni cittadino attraverso la scheda di segnalazione cartacea o attraverso il link https://servizionline.aifa.gov.it/schedasegnalazioni/#/.

 

 

CAMPAGNA VACCINALE ANTIPNEUMOCOCCICA

 

I Medici di Medicina Generale, possono effettuare, simultaneamente alla vaccinazione antinfluenzale, anche il vaccino anti-pneumococcico.

 

Popolazione target: Persone di 65 anni di età che presentino patologie o condizioni predisponenti, ovvero:

  • Alcoolismo cronico
  • Asplenia anatomica o funzionale e candidati alla splenectomia
  • Cardio/pneumo/epatopatie croniche
  • Diabete mellito
  • Emoglobinopatie quali anemia falciforme e talassemia
  • Epatopatie croniche, inclusa la cirrosi epatica e le epatopatie croniche evolutive da alcool
  • Immunodeficienze congenite o acquisite
  • Infezione da HIV
  • Insufficienza renale/surrenalica cronica, sindrome nefrosica
  • Malattie polmonari croniche
  • Neoplasie diffuse
  • Patologie onco-ematologiche (leucemie, linfomi e mieloma multiplo)
  • Patologie richiedenti un trattamento immunosoppressivo a lungo termine
  • Portatori di impianto cocleare
  • Soggetti con perdite liquorali da traumi o intervento
  • Trapianto d’organo o di midollo
  • Difetti congeniti e acquisiti del complemento

 

Dove

Ambulatorio del Medico di Medicina Generale o al domicilio del paziente non autosufficiente o impossibilitati a raggiungere lo studio medico.

 

 

CAMPAGNA VACCINALE ANTI HERPES ZOSTER


L’Herpes Zoster è una patologia virale acuta determinata dalla riattivazione dell’infezione latente da virus varicella zoster. I più colpiti sono gli anziani

 

Popolazione target: Persone di 65 anni di età e ai soggetti a rischio, che presentino patologie o condizioni predisponenti, ovvero:

  • Diabete mellito
  • Patologie cardiovascolari
  • Bronco Pneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) e asma Bronchiale
  • Immunodeficienza acquisita/congenita
  • Insufficienza renale/surrenalica cronica, sindrome nefrosica
  • Soggetti con recidive o con forme particolarmente gravi di Herpes Zoster

 

Dove

Ambulatorio del Medico di Medicina Generale o al domicilio del paziente non autosufficiente o impossibilitati a raggiungere lo studio medico.

 


Data ultimo aggiornamento 24.01.2024


Ultimo aggiornamento: 24/01/2024



img social